Articoli

,

Consigli per i genitori che devono gestire un figlio DSA

Davanti ad una diagnosi di DSA è normale che un genitore possa sentirsi smarrito e preoccupato. L’importante è avere subito chiaro che i DSA non sono patologie da curare ma disturbi su abilità specifiche dell’apprendimento, legati al calcolo e/o alla letto-scrittura, da gestire al meglio, principalmente, all’interno della famiglia.

Di seguito alcuni consigli dedicati a genitori con figli con DSA:

  • Non colpevolizzarsi se, inizialmente, si è scambiato un DSA con la pigrizia nello studio: i genitori non sono medici, ad ognuno le proprie competenze!
  • Parlare con il proprio figlio per capire come vive la situazione di DSA, usando sempre il termine particolarità e mai problema; risaltare sempre le sue capacità piuttosto che le sue difficoltà.
  • Enfatizzare le attività in cui eccelle specificando che queste possono compensare le lacune.
  • Imparare a gestire eventuali scatti di umore, a cui possono andare incontro persone con DSA, dovuti alla frustrazione di sentirsi diversi ed al timore di non riuscire nella vita.
  • Lavorare sia sull’autonomia personale scandendo le incombenze quotidiane: apparecchiare, sistemare la stanza, che su quella didattica: organizzare il materiale utile allo svolgimento dei compiti, scandire il tempo di studio e quello di riposo.
  • Il gioco è uno strumento utilissimo! L’uso di carte o giochi da tavolo sviluppa la concentrazione e mantiene l’attenzione alta; l’uso del pongo sviluppa la manualità fine; l’uso di canzoncine e filastrocche fin da piccoli allena la memoria.
  • Fornire alla scuola tutta la documentazione perché vengano attivate tutte le indicazioni a tutela del diritto allo studio per alunni DSA, secondo la legge 170/2010. Organizzare incontri periodici con il personale scolastico monitorando che l’andamento della didattica rispecchi i bisogni del proprio figlio, senza temere di far presenti eventuali perplessità.
  • Non isolarsi ma tenersi sempre aggiornati sull’argomento DSA attraverso forum, siti web certificati, convegni sul tema.

L’impegno di un figlio con DSA è sfidante ma racchiude un mondo fatto di creatività ed ingegno da cui imparare reciprocamente.

 

I nostri tutor altamente preparati e specializzati nella didattica per sostegno BES e DSA possono aiutare tuo figlio.
Chiamaci al 389 269 6411 per avere maggiori informazioni.

Come aiutare mio figlio a scegliere il percorso formativo più adatto dopo la scuola media?

Scelta percorso formativo dopo la scuola media

La domanda posta nel titolo indica il quesito che i genitori si pongono quando il proprio figlio si trova a dover scegliere il suo percorso formativo terminata la scuola media. In genere la domanda si pone in III media, quando il “ragazzo” è obbligato a scegliere fra diversi indirizzi di studio, anche molto differenti tra loro. Il punto importante è non lasciarlo solo nella scelta: è giusto dire “Deve scegliere lui la scuola che gli piace di più”, ma è altrettanto indispensabile condividere con lui dubbi, domande, riflessioni e consigli.

Oggi le scuole superiori sono diverse da prima: sono infatti sorti nuovi indirizzi di studio più specifici, con materie più approfondite e specializzate. E’ per questo importante che nostro figlio sia ben informato sulle caratteristiche e sulle differenze specifiche di ogni percorso di studio, che noi lo accompagniamo anche nella curiosità di vedere gli istituti e nel chiedere informazioni a riguardo. Ci sono, infatti, i famosi “open day” nelle scuole, giorni organizzati proprio per far conoscere l’istituto ai potenziali nuovi alunni.

Non basiamoci solo su quello che ci dicono gli altri genitori, o su quello che noi vorremmo per i nostri figli: le aspettative nei loro confronti sono sempre alte, tuttavia non appesantiamo ulteriormente i loro dubbi.

Anche la scuola da loro frequentata può guidarci nella scelta: parliamo con gli insegnanti che lo conoscono bene sotto il profilo didattico. Chiediamo loro consigli riguardo a quale indirizzo potrebbe essere più incline il ragazzo: materie scientifiche, materie umanistiche, materie tecniche o anche tutte?

I consigli certo sono sempre ben accetti, ma soprattutto ascoltiamo nostro figlio e rispettiamo le sue idee, in modo che si senta sereno nella scelta e sappia che comunque i genitori lo sostengono sempre.

Un ultimo punto che vorrei sottolineare è, piuttosto, un consiglio che vorrei offrire ai genitori: spesso, proprio in virtù delle ottime capacità di nostro figlio, guardiamo scuole impegnative e difficili, sperando che lui le scelga o invogliandolo a farlo. Comprendo benissimo il vostro pensiero però vorrei anche farvi riflettere sulla possibilità che questa scelta si possa trasformare in anni di stress, frustrazioni e abbassamento dell’autostima. In alcuni casi è forse meglio una scuola meno impegnativa, ma che permetta al ragazzo di studiare e vivere l’esperienza scolastica con serenità. Proprio questa tranquillità potrebbe, infatti, invogliarlo successivamente a proseguire il percorso di studi anche all’università.

Se invece non avrà proprio voglia di studiare, si accompagnerà verso il mondo del lavoro, anche in questo caso con possibili percorsi di formazione utili alle sue scelte: ma per questo avete ancora tempo.

In questa delicata fase formativa di tuo figlio, puoi chiedere una mano ai nostri Tutor per aiutarlo a scegliere il percorso scolastico migliore. Chiamaci al 389 269 6411 per avere maggiori informazioni.

Il primo aiuto nello studio per un bambino dislessico: le mappe concettuali

Bambini metodo di studio, mappe concettuali, dislessia, bes, dsa

Quando i genitori sentono la parola “dislessia” riferita ai loro figli, drizzano le orecchie e spalancano gli occhi: la prima cosa che probabilmente è lecito pensare, se non si conosce l’argomento nelle sue molteplici caratteristiche, è che si tratti di qualcosa di grave.
Chiariamo subito questo pensiero negativo: non ci si riferisce a una malattia o a problemi a livello intellettivo! Si tratta semplicemente di una difficoltà del bambino.

BAMBINI – BES: DEFICIT DEL LINGUAGGIO 3 ANNI

Vi è mai capitato di trovarvi al parco, oppure alla festicciola di un amichetto di vostro figlio e di pensare, osservando gli altri bambini parlare: “Mio figlio ha la sua stessa età ma non comunica così”, oppure “Mio figlio non parla così bene”?

Quasi certamente la domanda successiva che vi porrete sarà “Forse allora ha qualcosa che non va?”. State tranquilli, è assolutamente naturale e umano fare confronti: l’importante però è non allarmarsi senza motivo, ma nello stesso tempo attivarsi se necessario!

DSA E PREGIUDIZI

Cosa significa la dicitura DSA: disturbi specifici dell’apprendimento! Perfetto, ma cosa vuol dire in sostanza?  Si tratta di un disturbo legato solo ad abilità scolastiche, quali lettura, scrittura e calcolo, ma circoscritto. Spesso, infatti, chi non ha conoscenze in questo ambito e non ha mai avuto esperienze dirette  pensa che i bambini con DSA siano “affetti” da chissà quale patologia o, peggio ancora, che abbiano degli handicap o problematiche serie. Questi pregiudizi  spesso influiscono molto negativamente sulle decisioni dei genitori prese per aiutare i propri figli e sull’atteggiamento di questi bambini verso la scuola e verso tutta l’esperienza scolastica.

Quello che invece molti non sanno è che sono bambini con un funzionamento intellettivo integro, ma con difficoltà maggiori degli altri a leggere, scrivere o fare calcoli, caratteristica che li rende più vulnerabili a livello emotivo. Per questo hanno bisogno di: comprensione, affetto, tante iniezioni di autostima e professionisti in grado di attuare un percorso riabilitativo ed educativo e di aiutarli a migliorare e potenziare il loro apprendimento.

I genitori di bambini con DSA spesso si sentono spaesati, impreparati, non sanno come affrontare la situazione e pensano di superare il problema dicendo “mio figlio non ha niente, non ho bisogno di aiuto!”

E’ necessario invece attivarsi fin da subito! Non si deve pensare che sia così difficile affrontare la situazione, oppure che tutto si risolverà da solo, perché il bambino ha bisogno soltanto di strumenti semplici, che gli permetteranno di vivere al meglio la vita scolastica e di non sentirsi mai da meno degli altri. Per fortuna, oggi, la legge tutela questi bambini in tanti modi; ad esempio hanno la possibilità di utilizzare supporti da adottare a scuola.

Se le maestre consigliano un controllo specifico o notate che vostro figlio ha difficoltà particolari ad esempio nello svolgere compiti, allora non ci pensate troppo ma allo stesso tempo non preoccupatevi!  Consultate prima possibile un professionista che saprà indicarvi la via giusta e aiutare  soprattutto  vostro figlio. Soltanto conoscendo a fondo le sue difficoltà saprete fornirgli l’aiuto necessario per fargli vivere serenamente la sua esperienza scolastica.

La scuola infatti è importante non solo per imparare, ma anche per giocare e stringere amicizie: facciamo amare ai nostri figli la scuola, rendiamo loro tutto il più semplice possibile.