Articoli

Come superare il panico da interrogazione

Come superare il panico da interrogazione

Forti mal di pancia, nodo alla gola e mal di testa appena il professore pronuncia il tuo nome. Non importa quanto tu abbia studiato o ti senta preparato: non solo il momento dell’interrogazione diventa un vero e proprio incubo, ma non riuscendo a dire nulla, la valutazione è addirittura negativa!

Il “panico da interrogazione” è uno dei problemi più frequenti che si incontrano durante il percorso scolastico e colpisce tanto i bambini delle elementari quanto gli studenti universitari. A volte è così profondo che gli altri fanno fatica ad accorgersene. Tirare fuori il problema e parlarne con una persona di fiducia è il primo passo per superare questa difficoltà.

Il primo appiglio fondamentale che può aiutare a uscire da questa situazione sono i compagni. Quando compare il panico da interrogazione, ci sembra che tutti gli occhi siano puntati su di noi… invece non è così! La maggior parte della classe ne starà approfittando per farsi gli affari suoi, mentre magari sarà proprio l’amico più fidato, che si è accorto del problema, a interessarsi e aspettare uno scambio di sguardi per darci un po’ di fiducia o lanciarci un suggerimento volante.

Attenzione: se il problema diventa insormontabile e non si risolve dopo qualche settimana, potrebbe essere arrivato il momento di parlarne prima con i propri genitori e poi insieme ai professori. Nessun professore vuole mettere in difficoltà uno studente e insieme si possono trovare delle strategie per venirsi incontro in questo momento difficile come istituire interrogazioni programmate, a tu per tu, e affiancare un tutor a casa che possa sbloccarci e farci sentire più sicuri durante le verifiche.

 

I nostri docenti e i nostri tutor possono aiutare i tuoi figli ad acquisire il proprio metodo studio e affiancarli durante il percorso scolastico per garantire un miglior rendimento in interrogazioni ed esami. Chiamaci al 389 269 6411 per avere maggiori informazioni su ripetizioni a domicilio e aiuto compiti. Operiamo in tutta Roma.

Prime interrogazioni, 5 regole per fare colpo sul Prof.

Prime interrogazioni, 5 regole per fare colpo sul Prof.

Ogni studente vorrebbe iniziare la scuola con il piede giusto e fare una bella impressione sui professori. Facile a dirsi, ma a volte questi “buoni propositi” sono difficili da mettere in pratica. Eppure, basta seguire delle piccole accortezze per guadagnare da subito un posto speciale sul registro di ogni professore:

  1. STUDIARE
    C’è poco da fare: possiamo usare tutte le strategie del mondo, ma se non abbiamo aperto libro, l’interrogazione andrà male. Studiare almeno due ore prima di ogni verifica è indispensabile.
  2. PROPORSI COME VOLONTARIO
    I professori apprezzano sempre gli studenti che si propongono come volontari: sapere che c’è qualcuno che ha voglia di ripetere la lezione assegnata per casa li rende soddisfatti e allo stesso tempo, li toglie dal ruolo di “cattivi” pronti a pizzicare gli impreparati.
  3. DIMOSTRARE INTERESSE
    Alla prima domanda del professore, che sia il famoso “argomento a piacere” o una tematica precisa, iniziare subito raccontando perché ci ha interessato quella parte e cosa ci ha particolarmente colpito, dimostrando un reale interesse per la materia.
  4. MOSTRARSI SICURI
    Anche l’atteggiamento corporeo fa la sua parte: spalle aperte, testa alta e sguardo occhi negli occhi con il prof. sono dei segnali che dimostreranno la padronanza della materia. Certo, non è assolutamente facile! Meglio esercitarsi prima a casa con una persona più familiare che incuta meno timore.
  5. SAPERE DI NON SAPERE
    Per quanto si possa aver studiato, c’è sempre l’argomento che non sappiamo. La prima cosa da fare è mantenere la calma e iniziare a cercare nella nostra memoria un appiglio a qualcosa di simile, per poi portare la risposta verso un argomento che conosciamo meglio.

L’importante è non fare mai e poi mai scena muta: se hai studiato, puoi rispondere a tutto.

 

I nostri docenti e i nostri tutor possono aiutare i tuoi figli ad acquisire il proprio metodo studio e affiancarli durante il percorso scolastico per garantire un miglior rendimento in interrogazioni ed esami. Chiamaci al 389 269 6411 per avere maggiori informazioni su ripetizioni a domicilio e aiuto compiti. Operiamo in tutta Roma.

Torna a scuola con il piede giusto

Arriva Settembre, si torna sui banchi di scuola ed è sempre difficile ricominciare la solita routine tra ore in classe e compiti a casa, dopo giorni trascorsi senza pensieri.

Si pianifica nuovamente l’orario settimanale, cercando di trovare le soluzioni più adatte per affrontare il nuovo anno scolastico con meno preoccupazioni possibili.

Mamme e papà pensano a come il figlio si comporterà in classe e soprattutto se otterrà ottimi risultati; se sarà in grado di organizzarsi con i compiti e se affronterà l’intero anno scolastico con la giusta concentrazione.

Una buona parte dei bambini e dei ragazzi pensa invece alla noia di un altro anno trascorso sui libri e al non aver più il tempo per giocare o per dedicarsi alle attività preferite.

Le preoccupazioni aumentano invece in presenza di BES o DSA.

A maggior ragione i genitori mettono in campo tutte le loro forze a disposizione per aiutare i propri figli, molto spesso con la sensazione di essere impotenti e incapaci di trovare la strada giusta.

I bambini e i ragazzi con queste difficoltà a loro volta dimostrano ancora più ansia e svogliatezza di fronte all’inizio del nuovo anno scolastico.

Sicuramente il giusto approccio per un rientro a scuola meno traumatico  è  trovare il sostegno qualificato di esperti del campo per affrontare lo studio nel modo migliore.

Se infatti si parte con il piede giusto sia genitori che figli ne sperimenteranno  i benefici: mamme e papà saranno più sereni sapendo di essersi rivolti a docenti preparati e bambini e ragazzi si sentiranno più sicuri fin da subito e affronteranno il  nuovo anno con più serenità.

Non perdere tempo chiamaci subito e ti offriremo una consulenza gratuita specializzata  per individuare il Tutor e il percorso giusti.

Scuola – genitori: un’alleanza fondamentale

È sempre più comune tra i genitori l’abitudine a contestare gran parte delle decisioni che vengono prese dal corpo docente e dall’istituto scolastico e commentare i comportamenti dell’insegnante davanti ai propri figli, senza limitarsi nelle critiche negative.

Nel momento in cui i genitori scelgono la scuola per i propri figli, sulla base di valutazioni fatte per affidare i bambini e i ragazzi all’istituto ritenuto più idoneo,  si presuppone che ci siano quelle fondamentali intenzioni per instaurare anche un rapporto costruttivo con la scuola stessa e con l’insegnante, per creare quella coalizione scuola-famiglia, cruciale per una sana crescita del bambino e del ragazzo.

Soprattutto per i bambini  della Scuola Primaria la figura dell’insegnante rappresenta un punto  di riferimento importante, quasi quanto quello dei genitori e della famiglia in generale. È infatti tra i banchi di scuola che il bambino passa la maggior parte delle sue giornate e vive molte delle sue esperienze di vita più significative.

La condivisione tra scuola e famiglia degli obiettivi educativi rappresenta l’ingrediente fondamentale per la serenità del bambino e nel momento in cui genitori e insegnanti non camminano nella stessa direzione il bambino si sente perso.

Soprattutto quando il genitore entra in contrasto diretto con l’insegnante, arrivando addirittura a denigrare questa figura davanti al proprio figlio, il bambino è destabilizzato e vede vacillare i suoi punti di riferimento.

Sicuramente ci saranno delle occasioni in cui la scuola o l’insegnante prendono decisioni con le quali il genitore può non essere d’accordo, ma qual è l’atteggiamento costruttivo da assumere? Parlare direttamente con il responsabile o con l’insegnante, affrontare confrontandosi i vari punti di vista, palesare i propri dubbi e trovare insieme delle risposte, venendosi anche incontro rappresenta l’arma vincente.

Se ognuno disegnasse a suo piacimento le regole non si riuscirebbe mai a trovare delle decisioni che vadano bene per tutti, ognuno ha le proprie esigenze, quindi bisogna anche adeguarsi a determinate regole e accettarle serenamente. Anche in questo modo si potrà dare il buon esempio ai propri figli.

Tutti possono sbagliare ma con il confronto si troverà la strada comune da seguire nel difficile compito educativo e si creerà quell’alleanza che avrà come obiettivo comune  la stabilità, la sicurezza e la serenità dei bambini e dei ragazzi nella fase più delicata della loro vita.

 

,

BLOG Presentazione

Benvenuto nel Blog di Homeworkroma.

Attraverso questo strumento potrai confrontarti con  il coordinatore didattico del nostro Team di Docenti.

Avrai la possibilità  di comunicare per avere chiarimenti ai tuoi dubbi,  risposte  alle tue domande, occasioni di confronto in campo didattico ed educativo, scambiando idee.

Docenti, genitori e studenti troveranno in questo Blog suggerimenti, linee guida, spunti di riflessione per affrontare  e organizzare al meglio le attività di studio e di programmazione.

Se sei uno studente potrai scoprire sul nostro blog tutte le informazioni utili per trovare il tutor ideale per  il tuo studio, linee guida per organizzare il tuo lavoro di memorizzazione e apprendimento, consigli per studiare meglio e in modo più efficace. Scoprirai come, attraverso suggerimenti e indicazioni precise, potrai finalmente trovare il metodo di studio più adatto a te.

Se sei  genitore avrai modo di confrontarti con un esperto nel campo didattico ed educativo. Troverai indicazioni utili per  la ricerca dell’aiuto ideale per lo studio dei tuoi figli e chiarimenti su tematiche educative. Scoprirai come, scambiando opinioni, dubbi e incertezze sarà più semplice seguire i tuoi figli nello studio e nella crescita, trovando il modo più adatto ed efficace per aiutarli.

Se sei un Docente ci sarà la possibilità di condividere spunti di riflessione, idee innovative , suggerimenti per le proposte di programmazione delle attività didattiche da proporre in classe, ma anche per un confronto costruttivo tra colleghi.

Periodicamente verranno pubblicati dei post che saranno lo stimolo per un continuo confronto costruttivo in campo didattico ed educativo. Invitiamo pertanto  genitori, docenti e studenti a interagire in questo spazio in cui desideriamo che ognuno possa trovare risposte e chiarimenti ai propri dubbi, stimolo di crescita personale e professionale, occasione di scambio di proposte innovative ed efficaci.

Elementi di portfolio