Articoli

5 errori comuni dei genitori nell’educazione dei figli

Il “mestiere” dei genitori non è semplice: nessuno di noi nasce tale e per questo è importante usare il buon senso, informarsi e, in alcuni casi, ricordare l’educazione ricevuta quando noi stessi eravamo bambini.

Oggi l’ambiente sociale in cui viviamo comporta, nella maggioranza dei casi, la necessità che entrambi i genitori lavorino. Le conseguenze possono essere: il minor tempo da dedicare ai figli, il senso di colpa legato a questo e la comprensibile stanchezza derivante da una giornata di lavoro.

Cosa può succedere allora quando passiamo del tempo con i nostri figli dopo che ne abbiamo poco a disposizione? Si possono mettere in atto comportamenti errati!

I figli possono vivere così esperienze poco costruttive all’interno della famiglia. Vediamo insieme quali possono essere i 5 errori che i genitori a volte commettono nella relazione con i propri figli:

  1. NON FARLI MAI PIANGERE: quando il bambino vuole qualcosa per forza e sta per piangere, oppure inizia un capriccio, i genitori tendono ad accontentarlo per mantenere la tranquillità. Invece il bambino deve imparare chi stabilisce le regole, l’importanza e il rispetto dell’autorità: lasciateli piangere quando fanno i capricci. Vi potrebbe sembrare una scelta dura, però se cederete, la volta successiva, vostro figlio manterrà o peggiorerà il suo pianto perché sa che così, prima o dopo, otterrà quello che vuole.
    Se dite di “no”, mantenetelo! Se questo “no” si trasforma poco dopo in un “sì” perderete di credibilità e autorevolezza ai suoi occhi.
  2. NON MANTENERE LE PROMESSE: a volte succede che per far star buono il bambino o chiedergli di eseguire qualcosa che vogliamo gli promettiamo un premio (un gelato, un gioco, ecc.). Quando decidiamo di attuare questo “compromesso” dobbiamo mantenere la promessa: non promettiamo se già sappiamo che non potremo mantenerla. Quest’atteggiamento incide negativamente sulla fiducia che vostro figlio vi dimostrerà: cerchiamo di evitare questi comportamenti!
  3. USARE LINGUAGGIO E COMPORTAMENTO SBAGLIATI: noi genitori siamo un modello per i nostri figli. Spesso succede che, in un momento di rabbia o in modo spontaneo, adottiamo un linguaggio e un comportamento poco adeguato nei toni e nei modi. Cerchiamo di evitarlo: è importante utilizzare sempre un linguaggio appropriato. Usiamo, invece, un linguaggio corretto ed evitiamo parole sgradevoli.
    Anche per i comportamenti che adottiamo vale lo stesso principio: dimostriamo ai bambini il valore del dialogo e dell’educazione, senza essere aggressivi e ricordiamo di cercare di essere sempre un esempio positivo per loro.
    E’ importante, inoltre, ricordare che i bambini osservano non solo il comportamento che adottiamo con loro, ma anche come ci rapportiamo con gli altri, e tenderanno poi a imitare il nostro comportamento abituale.
  4. CONSIDERARLI SEMPRE PICCOLI: nonostante i nostri figli crescano e nel tempo imparino a compiere alcune azioni che saranno in grado di svolgere anche da soli, spesso noi genitori non incoraggiamo determinate autonomie, anche nel quotidiano (vestirsi da soli, prendere i vestiti, aiutare ad apparecchiare o sparecchiare, mangiare da soli, ecc). E’ importante, invece, spronare il bambino a imparare, anche sbagliando: a volte è difficile per i genitori, perché li vediamo sempre come “i nostri piccoli”.
    Stiamo certamente loro vicino, dimostriamoci pronti ad aiutarli al bisogno, ma lasciamoli anche liberi di provare: la cosa più bella del crescere è raggiungere da soli dei progressi.
  5. AFFIDARGLI ECCESSIVE RESPONSABILITA’: questo errore è un po’ l’eccesso di quanto detto sopra. Crescere significa certamente rendere nostro figlio più autonomo, insegnandogli abilità che sarà in grado di compiere da solo: ma non esageriamo! Ricordiamoci che è pur sempre un bambino e per questo dobbiamo capire cosa potergli chiedere e cosa no. L’eccesso di responsabilità rischia di metterlo in difficoltà: deve imparare cose nuove, ma sempre nella leggerezza tipica dei bambini.

E per quando non puoi essere presente, i nostri tutor e le nostre babysitter, possoni darti una mano con il tuo bambino. Chiama il 389 269 6411 per saperne di più e scoprire le offerte in corso.

WhatsApp – I rischi della comunicazione

Puntualmente ogni giorno, dopo l’uscita da scuola, un intenso scambio di messaggi sui compiti assegnati per casa sembra essere il protagonista delle conversazioni delle varie chat di classe, con tutte le incomprensioni e gli errori che ne conseguono.

Se un bambino per esempio ha scritto male la pagina del libro assegnata per il giorno dopo, molto spesso l’informazione a riguardo verrà diffusa in modo errato nell’intera classe attraverso le varie chat. Prendono vita in questo modo i dibattiti quotidiani su quale sia il reale compito da eseguire e di conseguenza si generano ulteriori dubbi e fraintendimenti che sono lontani dal chiarire le idee, scopo per il quale apparentemente si era dato inizio alla conversazione.

Al di là delle incomprensioni sui reali compiti da svolgere a casa e del caos generatosi così attraverso il passaparola sui cellulari che lanciano continuamente  suoni di nuovi messaggi in arrivo per l’intero pomeriggio, altro aspetto da non sottovalutare è che ancora una volta si toglie l’occasione  ai bambini di assumersi le proprie responsabilità.

Il bambino infatti, sapendo che per qualunque dubbio sui compiti o semplicemente se non li ha scritti perché al momento della dettatura era distratto, la soluzione sarà a portata di mano grazie al gruppo whatsapp, perseguirà nel suo comportamento sbagliato e probabilmente continuerà a giocare mentre la maestra in classe spiegherà il compito per il giorno seguente.

Cosa bisogna fare dunque quando il  bambino non scrive i compiti sul diario e soprattutto è opportuno scambiare informazioni sui compiti attraverso le chat?

Un atteggiamento costruttivo che il genitore può assumere sarà spiegare al bambino che, se non ha scritto i compiti per il giorno dopo o semplicemente non li ha scritti bene, andrà a scuola seguendo le indicazioni da lui riportate sul diario, senza avere dunque la possibilità di chiarire i suoi dubbi chiedendo a qualcuno.

La maestra il giorno dopo si comporterà nei suoi riguardi come meglio crede, probabilmente riprendendolo per metterlo davanti alle sue responsabilità. Solo così il bambino capirà quanto sia importante prestare attenzione in classe, esempio che potrà essere applicato poi a diversi ambiti della sua vita.

Infine un  comportamento costruttivo che può assumere un genitore per il bene dei propri figli non sarà assecondare un comportamento scorretto ma guidare il bambino verso l’atteggiamento più idoneo da adottare in classe. Infine la maestra sa bene che ogni bambino ha le sue caratteristiche e anche a volte le sue problematiche e non è escluso dunque che vengano a volte anche assegnati compiti diversi. Proviamo ad immaginare dunque quale imbarazzo o dispiacere potrebbe provare un bambino nello scoprire che attraverso una chat viene magari svelato il suo “segreto”, quel segreto tanto speciale e che con fatica la maestra era riuscita a far rimanere tale e aveva custodito insieme a lui. Lasciamo dunque che i bambini facciano da soli quello che è il loro compito, solo così potranno camminare sereni verso la loro indipendenza, e lasciamo agli insegnanti la possibilità di cogliere un’ulteriore occasione di classe per trasmettere anche un insegnamento di vita.

Qualunque dubbio in merito ai compiti potrà essere tranquillamente chiarito il giorno dopo a voce con l’insegnante e ci sarà eventualmente tutto il tempo per recuperare serenamente il compito nel caso ci fossero stati fraintendimenti.